Qualche video utile

Loading...

venerdì 9 novembre 2012

Cuori Dolci

125 gr quark
2 cucchiai maizena
mezza bustina lievito per dolci
buccia grattugiata di 1 limone
tic a piacere (io ho messo 1 cucchiaino)
2 tuorli
4 albumi
un pizzico di sale...

Mescolare tutti gli ingredienti tranne gli albumi...qst vanno montati a neve con un pizzico di sale e successivamente aggiunti al composto precedente (delicatamente)...cuocere in forno per 30 min a 200 gradi...mangiare freddo

NB chi è in crociera ovviamente non può usare la marmellata e può sostituire con creme protal varie... per chi è in consolidamento può aggiungere la marmellata ma quando le briosh saranno fredde.

Fondant au Chocolat

3 uova
3 cucchiai maizena
125 gr quark
3 cucchiaini cacao
tic a piacere (io 1 cucchiaino)
1 cucchiaino lievito per dolci in polvere...




Mescolare tutti gli ingredienti con lo sbattitore elettrico... io ho versato in degli stampi per muffin rivestiti con carta da forno... cuocere a 230 gradi per 10-12 min... al centro restano morbidissimi!!!!!! sn davvero deliziosi...

martedì 30 ottobre 2012

Rotolo Dolce aromatizzato alla Fragola


INGREDIENTI:

per il rotolo:

- 1 uovo
- 1 cucchiaio maizena
- 1 bustina vanillina
-1 cucchiaino Tic
- 1 pò di lievito per dolci
- 1 pò di latte ( io ho sostituito con 2 cucchiai di yogurt 0,1 bianco)

Scaldare il forno a 180°.
Dividere il tuorlo dall'albume. Lavorare con lo sbattitore il tuorlo,il tic e la vanillina. Aggiungere poi la maizena, lo yogurt e infine il lievito. Montare a neve l'albume e aggiungerlo all'impasto delicatamente. Stendere il composto su una teglia rivestita con carta da forno. Stendere in modo che venga spessa circa 4-5 mm e viene un rettangolo delle dimensioni di circa 20x12 cm...più o meno!
Infornare fino a cottura terminata... dipende dai forni...al mio ci vogliono circa 20 min. Io ho il ventilato.
Togliere dal forno...lasciare raffreddare e dopo staccare dalla carta da forno.


per la crema:

-250 gr di quark
- aroma fragola
- 1 cucchiaino di Tic
- marmellata dietetica ai frutti di bosco ( 1 cucchiaio circa)... se non la si mette è meglio!

Lavorare il quark con il tic e l'aroma... stenderlo sul simil pan di spagna... aggiungere la marmellata qua e là... arrotolare delicatamente e tagliare a fette.

BON APPETIT =)

sabato 29 settembre 2012

Buon Compleanno!



Io penso che i sentimenti fasulli si corrodano e si sbiadiscano nel tempo,
gli affetti, quelli veri, superano ogni intemperia generando imperituri arcobaleni.



Buon compleanno Mariarosaria! Sei il nostro arcobaleno!
Ti vogliamo bene!

martedì 18 settembre 2012

mercoledì 12 settembre 2012

Briosh con maizena

Ingredienti:
50 gr maizena
2 uova
10 gocce tic
aroma a scelta (qst in foto sn alla fragola)
4 cucchiai latte scremato liquido
2 cucchiai fromage blanc
mezza bustina lievito per dolci

Separare gli albumi dai tuorli. Mescolare tutti gli ingredienti (tuorli compresi) e aggiungere infine gli albumi montati a neve. Rivestire,o lo stampo per plumcake o gli stampini per muffin, con carta da forno. Infornare a 200 gradi per 40 minuti in forno preriscaldato.

Panini con maizena

Ingredienti:
25 gr maizena
1 uovo
2 cucchiai latte scremato liquido
1 cucchiaio fromage blanc (yogurt scolato)
sale
spezie
mezza bustina lievito birra in polvere

Dividere il tuorlo dall'albume. Mescolare tutti gli altri ingredienti(tuorlo compreso) e infine aggiungere l'albume montato a neve. Mettere in stampi per muffin rivestiti con carta da forno. Lasciare riposare 10 minuti e infornare per 40 minuti a 200 gradi nel forno preriscaldato.


giovedì 19 luglio 2012

Qualche tempo fa ho spiegato come si fa a calcolare il fabbisogno calorico di ciascuno 

ma la dieta da sola non basta se si vogliono avere risultati duraturi nel tempo, occorre fare anche attività fisica, andare in palestra o semplicemente fare lunghe passeggiate a passo sostenuto per almeno 40 minuti.

Un chilo di grasso ha un potere calorico di 7800 chilo calorie!
Da ciò si deduce che per perdere un chilo di adipe in un mese occorre diminuire le nostre calorie di 7800, cioè circa 260 calorie al giorno.
Per bruciare invece un chilo di grasso attraverso l’attività fisica, abbiamo bisogno di bruciare 3500calorie in più rispetto alle calorie che si spendono giornalmente per le attività quotidiane.
Per eliminare un chilo di grasso occorrerà quindi allenarsi tre settimane almeno 4 giorni a settimana bruciando almeno 290 cal ad allenamento.

Limitarsi alla sola dieta alla lunga porterà alla diminuzione del metabolismo.

Anti-cioccolato

Uno studio della University of Exter (UK)ha dimostrato che passeggiare per 15 minuti riduce il consumo di cioccolato.
L' esperimento effettuato su 78 impiegati, ha dimostrato che dopo aver svolto attività fisica sul tapis roulant o dopo un breve riposo, ritornati ai propri compiti gli stessi abbiano consumato meno cioccolato.
La camminata in particolare ne riduce in media il consumo della metà (da 28 a 15 grammi)
Per cui la prossima volta prima di addentare una barretta o un quadratino di cioccolato, uscite a fare una passeggiata.

sabato 14 luglio 2012

Un giorno speciale...


Oggi è un giorno speciale: la nostra Antonella si sposa e l'angolino non poteva non far sentire la propria presenza in questa occasione così importante...

Ti vogliamo bene Anto, la nostra vita è più bella da quando ti abbiamo conosciuta. Oggi saremo tutte lì con te...



"Allora Almitra di nuovo parlò e disse:
Che cos’è il Matrimonio, maestro?
E lui rispose dicendo:
Voi siete nati insieme e insieme starete per sempre.
Sarete insieme quando le bianche ali della morte disperderanno i vostri giorni.
E insieme nella silenziosa memoria di Dio.
Ma vi sia spazio nella vostra unione,
E tra voi danzino i venti dei cieli.
Amatevi l’un l’altro, ma non fatene una prigione d’amore:
Piuttosto vi sia un moto di mare tra le sponde delle vostre anime.
Riempitevi l’un l’altro le coppe, ma non bevete da un’unica coppa.
Datevi sostentamento reciproco, ma non mangiate dello stesso pane.
Cantate e danzate insieme e state allegri, ma ognuno di voi sia solo,
Come sole sono le corde del liuto, benché vibrino di musica uguale.
Donatevi il cuore, ma l’uno non sia di rifugio all’altro,
Poiché solo la mano della vita può contenere i vostri cuori.
E siate uniti, ma non troppo vicini;
Le colonne del tempio si ergono distanti,
E la quercia e il cipresso non crescono l’una all’ombra dell’altro."
(Kahlil Gibran)



giovedì 14 giugno 2012

Buon Compleanno

Oggi è il compleanno della nostra Margherita.
Tantissimi auguri da tutte noi, ti vogliamo beneeeeeeeeee!!!



mercoledì 13 giugno 2012

sabato 9 giugno 2012

Auguri Valentina


Alla nostra cara Valentina,
tanti auguri di buon compleanno!!!!

Tris in pastella

Premetto che per me farina di ceci è "panelle", mi sono cimentata in questa versione per partecipare ad un contest e per non fare una clamorosa brutta figura con Isabella.
Posso farmi battere da "una" di Rimini? <3




Ingredienti:

lievito
acqua q.b.
sale, pepe e rosmarino in polvere
1 Zucchina genovese 
Salvia fresca
1 Patata 
Olio di semi per friggere





Per accompagnare ho preparato una semplice salsa di pomodoro fresca e peperoni che poi ho passato per creare una crema.





1 ) In una ciotola mescolare gli ingredienti aggiungendo acqua tiepida quanto basta per ottenere una pastella densa ma senza grumi.





2 ) Tagliare a fette sottili la zucchina, la patata e pulire le foglie di salvia fresca.





) Scaldare l'olio in una padella, che deve essere caldo ma non bollente perché la pastella diventa subito scura e tende a bruciarsi.


4 ) Tuffare le verdure nella pastella e friggetele aiutandovi con un cucchiaio formando delle frittelle.




Adagiare su carta assorbente e servire calde.

Con questa ricetta partecipo al Contest: "Mani in pasta - La farina di ceci" del Molino Chiavazza:



venerdì 8 giugno 2012

Focaccia di ceci





Il Molino Chiavazza, ha indetto un contest, un'occasione per conoscere o per riscoprire la farina di ceci.


Allora mi sono detta, perchè no?


Ho voluto realizzare una semplice ma gustosa focaccia da mangiare da sola o per accompagnare un piatto di salumi.








Ingredienti per 4 persone:


200g di farina di ceci Molino Chiavazza
200g di farina 00
50 ml di olio extravergine di oliva
1 cubetto di lievito di birra
sale
pepe
acqua tiepida circa 250 ml


Procedimento:


Ho sciolto il lievito in un po' d'acqua tiepida e ho unito il resto degli ingredienti, aggiungendo la restante acqua un po' alla volta fino ad ottenere un impasto morbido. L'ho lavorato e messo a lievitare per 1 ora.
Ho steso l'impasto su una teglia precedentemente unta e l'ho cosparso di sale grosso, pepe, olio e abbondante rosmarino.
Ho infornato a 220° per circa mezz'ora.













PER LABBRA DA BACIARE :)


Ciao ragazze oggi vi vorrei parlare delle labbra … perché è importante prendersene cura? Perché la pelle delle labbra è la più delicata e quindi gli agenti esterni la danneggiano facilmente, e poi perché se le labbra sono secche, hanno pellicine o dei taglietti oltre ad essere antiestetiche danno fastidio, e non parliamo di quanto schifo fa il rossetto in questo caso.

Per prima cosa prendete il vostro spazzolino da denti, asciutto mi raccomando, e pulite con esso le labbra.

Procedete poi con lo scrub perché  eliminare la pelle morta è molto importante, e fargli lo scrub è la cosa più facile da fare. Lo si può acquistare oppure fare a casa molto facilmente.

Ricetta 1) prendere un rossetto o un burro cacao che non utilizzate rompetene un pezzettino e mescolate con un pochettino di zucchero, massaggiate le labbra e sciacquate.

Ricetta 2) prendete un cucchiaino di olio d’oliva metteteci un po’ di zucchero e procedete come sopra.

Come ultima cosa applicate il burro cacao spesso, anche prima del rossetto.

Per un effetto migliore prima di andare a letto spalmate nelle labbra un pochino di miele… la mattina seguante saranno fantastiche…

Ciao a tutte e fatemi sapere che ne pensate J BACI BACI BACI J

SCRUB!!!


Buongiorno belle donne J oggi sono qui per darvi la ricetta di uno scrub fantastico. Davvero fantastico, vi lascerà una pelle morbida e pulita. Il costo finale del prodotto non credo arrivi a 50 centesimi.

Ingredienti:

-          1 cc di miele;

-          1 cc di succo di limone (la presenza di questo ingrediente rende il prodotto particolarmente adatto a pelli miste e grasse, è davvero ottimo per i punti neri);

-          ½ cc di zucchero (preferibilmente di canna, ma non è essenziale);

-          ½ cc di caffè



Mescolate tutti i prodotti assieme, applicate nel viso appena inumidito con acqua tiepida, e lasciatelo in posa una decina di minuti dopo di che inumidite nuovamente il viso e procedete con un massaggio insistendo sulla zona T (fronte naso e mento), sciacquate e l’ideale ora sarebbe applicare una maschera, se non ne avete voglia tonico e crema… mi raccomando la crema è fondamentale soprattutto dopo questi trattamenti J

La cosa che secondo me rende ottimo questo scrub è la presenza di granuli di misure diverse, perché puliscono più a fondo.

Fatemi sapere che ne pensate.

Ah dimenticavo lo scrub andrebbe fatto due, tre volte la settimana. Se vi fate i prodotti in casa o se nel tempo acquistate scrub di marche diverse secondo me l’ideale è cambiare non fare sempre lo stesso soprattutto se si ha una pelle più delicata perché magari uno è più idratante, uno è più aggressivo ma da un risultato più ottimale.



Se non avete voglia di prepararlo in casa e preferite acquistarlo vi consiglio vivamente “SCRUB MASK ALL’ALBICOCCA” di Bottega Verde, e vi sconsiglio quello della essence perché a me non piace nemmeno un po’.

CIAO RAGAZZE BACI BACI BACI !!! J

Insolite polpette

Ingredienti:

120 g di tonno al naturale
3 fette di pancarrè
80 g di zucchine
2 uova
50 g di salmone affumicato
capperi sott'aceto
prezzemolo
erba cipollina




Frullare il tonno, i capperi e le zucchine precedentemente scottate e scolate. aggiungere al composto le uova, le fette di pancarrè sbriciolate il più possibile, il prezzemolo e l'erba cipollina tritati.
Formare delle polpette, aiutandovi nel caso con un cucchiaio, perché il composto è molto morbido e inserite al centro un pezzetto di salmone.
Scaldate una padella antiaderente in cui avrete passato un tovagliolo sporco d'olio per ungere lievemente e rosolatele. 
Attenzione alla cottura che se sarà troppo lunga tenderà a seccare le polpette, lo stesso accadrà se le preparerete con troppo anticipo, il riposo le asciuga.
Secondo me sono più buone se preparate prima e mangiate a temperatura ambiente.
Accompagnatele con una salsina di yogurt greco.

mercoledì 6 giugno 2012

Light Lemon Cheesecake

Estate... voglia di freschezza, voglia di allegria, voglia soprattutto di un dolce che appaghi anche la vista, oltre che il palato! E visto che per me: dolce estivo=cheesecake, ecco che mi sono ritrovata a modificare la ricetta di una cheesecake al limone rendendola adatta anche a noi!!!


Ingredienti:
Per la base biscotto:
6 biscotti Dukan al cocco
Aroma burro Flavourart (facoltativo)
3 cucchiai di latte
(In alternativa potete usare la base di questa cheesecake)
Per il cheesecake:
1 confezione (250gr) di formaggio spalmabile (io ho usato Philadelphia Balance)
2 yogurt bianchi magri
Aroma limone
1 cm dolcificante liquido
8gr (4 fogli) di gelatina in fogli
Per la copertura Lemon Curd:
1 tuorlo
1 cm Maizena
150ml di latte scremato
3 limoni (succo)
30gocce di Tic
Per la gelatina (facoltativa ma stra-consigliata):
Bucce di limone
Acqua
Tic q.b.
3 fogli gelatina

Procedimento:
Sbriciolare i biscotti, aggiungere l'aroma burro, il latte e create con questa la base della nostra cheesecake in uno stampo a cerniera oppure in uno che fodererete con della pellicola.
 (Se non avete i biscotti seguite la ricetta di questa cheesecake).
A parte montate la philadelphia con il tic, aggiungete i due yogurt, l'aroma al limone e i fogli di gelatina ammollati e sciolti in poco latte. Versate la crema ottenuta sulla base biscotto e ponete momentaneamente in frigo. Intanto preparare il Lemon Curd, mescolando tutti gli ingredienti necessari fino a togliere i grumi e mettendo sul fuoco fino ad addensare. Se volete evitare un tollerato usare un po' di farina di guar al posto della maizena. Fate raffreddare un pochetto dopodichè versate sulla cheesecake e rimettete in frigo. Per la gelatina mettete in infusione le bucce di limone, l'acqua, ed il tic, fare bollire pochissimo, spegnete, fare raffreddare alquanto ed infine aggiungete la gelatina ammollata. Versate anche questa (tiepida) sulla cheesecake e decorate a piacere con spicchi di limone. Tenete in frigo almeno 2 ore.
Sembra complessa ma non lo è per niente!!
Dietro suggerimento di Impy ho caricato la foto di questa cheesecake sulla pagina Facebook di Philadelphia: https://www.facebook.com/philadelphia.ita/app_211699865615632?ref=ts
In questo modo abbiamo donato un'ora al Dynamo Camp: 1foto di un cheesecake infatti equivale ad un'ora di terapia che Philadelphia donerà all'associazione!!!!

martedì 5 giugno 2012

Acqua calda

Secondo un insegnamento Ayurveda bere l'acqua al mattino fa bene perché stimola l'evacuazione e  depura il corpo dagli scarti metabolici accumulati durante la notte. Bere acqua fatta bollire almeno 15 minuti aiuta la digestione lenta e aiuta al tempo stesso il drenaggio. 
Per fare effetto l'acqua deve essere bevuta calda o tiepida soprattutto la mattina appena svegli, poi se ci riuscite anche durante il giorno; si dice che riesca a calmare anche il senso di fame.
Ora non resta che provare!

CREMA GIORNO E CREMA NOTTE


È veramente necessario utilizzare due prodotti?

Ci sono creme adatte sia al giorno che alla notte e creme che non specificano nulla, queste ultime sarebbe meglio utilizzarle solo per il giorno e quindi utilizzare un prodotto diverso la notte.

La crema giorno ha una funzione di idratare, proteggere la pelle dagli agenti esterni e proteggere il viso dal sole, la crema notte ha una funzione idratante e di nutrire più a fondo. Per queste ragioni è meglio utilizzare eventualmente una crema giorno anche di notte e non una crema notte di giorno perché lascerà la pelle più grassa e non va assolutamente bene come base per il trucco.

Io avevo comprato una crema nivea riequilibrante che dovrebbe andare bene 24 ore ma sulla mia pelle proprio non piace la sento troppo grassa con il caldo poi non ne parliamo, anche se non è stata una spesa folle perché non costa cifroni mi scocciava proprio buttarla via e quindi la uso come crema notte e sono soddisfatta comunque del risultato, come crema giorno utilizzo “crema equilibrante” della locherber (cosmetici naturali) e la trovo a dir poco fantastica, ho anche il tonico che è delicatissimo e molto buono e ho provato anche il campioncino della crema super idratante e dello scrub. Questi prodotti si trovano in erboristeria sono un pochino più costosi rispetto a quelli del supermercato ma vi posso assicurare che la qualità è davvero ottima (per rendere l’idea il tonico costa 10 euro e la crema mi pare 10/11 euro).

lunedì 4 giugno 2012

RECENSIONE PENNELLI FRAULAIN

Per fare un trucco un po’ più elaborato la cosa essenziale sono i pennelli. In commercio ce ne sono tantissimi di tantissimi prezzi. Io sono partita con questi


Li ho comprati un paio d’anni fa sul sito internet di fraulein. Che dire? Mi sono trovata bene per una alle prime armi sono ottimi per una makeup artist esperta sono una schifezza probabilmente. Sono rimasta molto soddisfatta dal rapporto qualità prezzo infatti ho speso 31€ se non ricordo male per il set da 18 pennelli e la palette da 180 colori





Esperienza personale con fraulein:

Ho acquistato questo set e sono rimasta molto soddisfatta per la qualità dei prodotti, sia per i pennelli che per gli ombretti, i tempi di consegna sono stati di una settimana come dice il sito ed è arrivato tutto a casa in ottimo stato (nemmeno una cialdina rotta).

Essendo contenta del servizio e dei prodotti ha fatto un secondo ordine per dei prodotti per le unghie e anche li sono stata soddisfatta, settimane fa ordino il set da 7 pennelli con la palette 180 colori (ovviamente colori diversi) e non mi sono piaciuti per nulla: gli ombretti non colorano i pennelli non mi piacciono non riesco ad usarli, l’ordine comprendeva anche 4 bulbi per la lampada per la ricostruzione unghie e sono arrivati tutti e 4 non funzionanti, ho scritto all’azienda 5 o 6 volte prima di avere una risposta in cui si scusavano e mi comunicavano che erano stati nuovamente spediti, arrivano e sono nuovamente tutti danneggiati ho già mandato 3 mail ma non ho avuto risposta. Quindi a questo punto non sono più soddisfatta ne dei loro prodotti ne del loro servizio.

Vi mostro il set di pennelli (a mio parere inutilizzabile)


Come usare i pennelli:

i pennelli vanno lavati prima del primo utilizzo e dopo ognuno in modo da non mescolare i colori. Lavarli è facilissimo e basta usare un sapone neutro, io per esempio uso un detergente per fare il bagnetto ai neonati perché credo che poche cose siano così neutre. Vanno poi sciacquati e lasciati ad asciugare, una volta asciutti sarebbe meglio disinfettarli, soprattutto se vengono utilizzati su più persone.

Tante persone mi dicono “come fai ad usare tutti quei pennelli?” ognuno ha una sua funzione e una volta che si cominciano ad adoperare non se ne può più fare a meno.

Se vi interessa in alcuni post successivi vi posso mostrare l’uso di ogni pennello.



Ci tengo a ribadire il fatto che questa è una mia idea (strettamente personale) sulla qualità dei prodotti e che non sto facendo una pubblicità positiva o negativa a pagamento per nessuna azienda. Dico ciò che mi piace e ciò che non mi piace senza nessun vincolo imposto da alcuno.

domenica 3 giugno 2012

LE VIRTU' DELL'OLIO D'OLIVA


Prodotto ottimo per la cosmesi nature, è infatti uno dei principali ingredienti delle migliori creme idratanti. Avendo una composizione molto simile a quella del sebo naturalmente presente nella nostra pelle è ottimo anche per uso cosmetico.

In commercio esistono tantissime linee di prodotti molto validi a base di olio d’oliva ma per ottimizzare i risultati la soluzione migliore è una bottiglia di olio extravergine di oliva meglio se da agricoltura biologica, inoltre una cosa che non deve mai mancare nel vostro bagno è una saponetta all’olio d’oliva per le mani (ottima anche per il viso), reperibile in qualunque erboristeria.

L’olio d’oliva veniva usato in cosmetica dai tempi dei romani sembrerebbe essere l’elisir di bellezza di Cleopatra e nel tempo è utilizzato ancora oggi dalle più belle donne come Sophia Loren e Julia Roberts.

È idea comune che, in quanto grasso non sia adatto alle pelli grasse, non c’è nulla di più sbagliato perché è adatto a tutti i tipi di pelle avendo proprietà emollienti, idratanti, nutrienti, ha un altissimo contenuto di vitamina E:

idrata: riduce l’evaporazione dell’acqua dallo strato corporeo;

protegge l’epidermide dagli agenti esterni;

emolliente: rende la pelle molto morbida;

azione ristrutturante e anti-età:favorisce la rigenerazione di collagene;

azione protettiva e anti-invecchiamento: contrasta l’invecchiamento delle cellule causato dai radicali liberi.

Io ne metto sempre un cucchiaino nella mia maschera all’argilla ma ora vi propongo anche usi più specifici:

Struccante: prendete un batuffolo di cotone, lo bagnate con acqua calda ci aggiungete qualche goccia di olio d’oliva e lo utilizzate per togliere il trucco.

Scrub per viso e corpo: prendete una ciotola e metteteci un po’ di sale (grosso o fino a vostra preferenza, potete usare anche il bicarbonato) aggiungete l’olio d’oliva mescolate e applicate il composto nelle parti interessate.

Emolliente per le labbra: applicatelo con un dito direttamente sulle labbra e in brava saranno morbide e non più screpolate (è ottimo anche dopo lo scrub sulle labbra).

Crema corpo: massaggiatevi con l’olio d’oliva mentre siete ancora dentro la vasca, applicatene in modo più generoso sui gomiti e sulle parti del corpo più secche, va bene anche sul seno (evitate però i capezzoli).

Per le mani e per i piedi: mettete l’olio in una ciotolina e immergeteci le mani attendete qualche secondo e poi infilatevi dei guanti in modo da farlo agire almeno una trentina di minuti poi lavatele, saranno morbidissime. Se avete le mani macchiate (per esempio a causa del fumo) aggiungete all’olio un po’ di limone!!!

Sul collo: il collo è una delle zone in cui si formano le prime rughe per evitare ciò fate un massaggio con l’olio poi metteteci della pellicola trasparente e tenete il tutto una mezza oretta.

Depilazione: va bene per togliere i residui di cera dopo la ceretta; e per rallentare la crescita dei peli;

Nei capelli può essere utilizzato in diversi modi:

-          È ottimo per la secchezza dei capelli sfibrati e trattati ma anche per capelli deboli e contro la caduta dei capelli, nutre in profondità il bulbo irrobustendolo.

È sufficiente fare un impacco sui capelli metterci della pellicola in modo da favorirne l’assorbimento, lasciare agire per trenta minuti, non esagerate vicino alla cute perché potreste renderla grassa e quindi sarete costrette a lavare prima i capelli, mettetelo sulle punte e sulle lunghezze.

-          5 cm di miele;

3 cm di olio d’oliva

(Le quantità sono abbastanza indicative perché dipende dalla lunghezza e dalla quantità di capelli)

Mescolare assieme i due ingredienti fino ad ottenere un composto omogeneo applicarlo sui capelli, metterci la pellicola e lasciare agire almeno 30 minuti.


USI DEL BICARBONATO NELLA COSMETICA




Costo: pochi euro
Il bicarbonato è “il sale dalle mille virtù”. Nei trattamenti estetici è molto utile per:

-          Depurare la pelle: è sufficiente mettere 2 o tre cucchiai di bicarbonato nella vasca;

-          Avere capelli più puliti: un cucchiaino messo assieme al vostro shampoo una volta a settimana pulirà più a fondo il capello (elimina i prodotti tipo lacca, gel, schiuma) senza danneggiare la cute;

-          Scrub (per il viso ma anche per tutto il corpo): un rapporto di una parte di bicarbonato per due parti di latte detergente (questo lo trovo molto più idratante e a mio parere più indicato per le pelli secche); oppure tre parti di bicarbonato e una d’acqua;

-          Sbiancare i denti: aggiungere un pochino di bicarbonato al dentifricio normale, lavarsi i denti e alla fine strofinare sui denti salvia o menta (da farsi una volta a settimana); oppure una volta lavati i denti con il normale dentifricio ripetere l’operazione utilizzando il bicarbonato al posto del dentifricio e per rendere il sapore meno sgradevole aggiungere una goccia di olio essenziale alla menta: Il bicarbonato contrasta l’acidità sviluppata dagli alimenti e forma uno strato protettivo sullo smalto dei denti;

-          Avere l’alito fresco: sciogliere un cucchiaino di bicarbonato in un bicchiere d’acqua e fare dei risciacqui;

-          Rinvigorire gambe e piedi: fare un pediluvio con acqua calda e 2 cucchiai di bicarbonato per litro d’acqua;

-          Per i calli: dopo il pediluvio (al punto precedente) prepara uno scrub con tre parti di bicarbonato e una parte di acqua e strofinalo sul callo, eliminerai in questo modo le cellule morte e donerai morbidezza ai tuoi piedini;



è possibile infine anche fare il deodorante ma non avendolo ancora provato su me stessa rimanda a data da destinarsi questa piccola ricettina.

PULIZIA DEL VISO LOW COST



La pulizia del viso in un centro estetico parte almeno da 40 euro, che ne dite di permetterci questa coccola a costo zero? Sicuramente l’estetista ha una mano migliore, è il suo lavoro, ma non sempre abbiamo la disponibilità economica oppure il tempo per permetterci questa coccola ma non è giusto rinunciarci …

Ognuna di noi ha una pelle diversa e quindi non tutte possiamo usare gli stessi prodotti, ma qualunque sia il nostro tipo di pelle se è pulita a fondo sarà sicuramente più bella e più luminosa. Prendetevi un po’ di tempo solo per voi poi struccatevi con un apposito struccante, una volta fatto ciò bisogna eliminare tutti i residui di trucco con abbondante latte detergente. È molto importante stuccarsi bene, soprattutto gli occhi, perché il trucco tende a lasciare batteri sulla pelle che portano ad avere fastidiosi e antiestetici brufoletti anche sottopelle. Dopo il latte detergente bisogna lavare profondamente il viso con un detergente adatto al vostro tipo di pelle, non abbiate fretta massaggiate a lungo e poi risciacquate con abbondante acqua tiepida. Asciugate il viso con un asciugamano morbido e tamponate, l’asciugamano non va mai strofinato ne sulla pelle ne sui capelli.

Ora siete pronte per aprire tutti i pori in modo da pulire in profondità. In commercio esistono delle saune facciali che fanno molto bene ma non sono strettamente necessarie se in casa avete un gas ed una pentola, mettete a bollire dell’acqua e poi trasferitela in una terrina, metteteci la faccia sopra e copritevi con un asciugamano: potete lasciare solo acqua oppure aggiungere del bicarbonato (ne basta un cucchiaio) o un filtro di camomilla (vanno bene anche entrambi ovvero il bicarbonato sulla camomilla), state in posa almeno una decina di minuti ma se avete  più tempo è meglio.

A questo punto i pori sono aperti e quindi ci vuole un scrub (anche per lo scrub in commercio ce ne sono di specifici per ogni tipo di pelle). Applicatelo, sul viso inumidito con acqua tiepida, abbondantemente e seguite le indicazioni riportate nella confezione (alcuni devono stare un po’ in posa per altri non è necessario) e poi massaggiate insistendo nella zona T (fronte, naso e mento). Risciacquate abbondantemente sempre con acqua tiepida.

Bene, i pori sono stati aperti e puliti ora bisogna richiuderli applicando una maschera. Esistono maschere di ogni tipo e per ogni esigenza a voi la scelta. Ovviamente ogni maschera è a sé riguardo al modo di applicazione, tempo di posa, e modo per toglierla.

Tolta la maschera bisogna applicare il tonico, che non va stofinato ma sempre picchiettato. Alla fine come ultimo passaggio siate generose con una crema idratante.



A questo punto qualcuna di voi starà pensando: “per fortuna che dovevo risparmiare 40 euro, una volta comprati tutti i prodotti ne ho spesi molti di più” non le posso dare torto … ma, bisogna considerare che con una confezione di scrub (per esempio) siete a posto almeno per sei mesi e così anche con tutti gli altri prodotti e se siete interessate vi posso dare le ricette di alcune maschere, scrub, creme e altri prodotti che potete fare tranquillamente in casa senza metterete schifezze (quali conservanti) nella vostra pelle, sono biologici, ecologici e soprattutto non testati sugli animali.

venerdì 1 giugno 2012

Calorie: croce e delizia

Il fabbisogno calorico dipende da molti fattori, come il sesso, l'attività svolta ed il peso. Tenendo presente che il proprio medico è l'unico a poterci consigliare per il meglio, vi posto qui,  una tabella in cui si indicano le calorie per chilo che servono ad un uomo e a una donna.


Livello attività            Uomo     Donna

Sedentario                    35          30
Mediamente attivo       40          35
Attivo                           45          40
Sportivo                        50          45

Da ciò ne deriva, che se ad esempio una donna sedentaria di 70 chili ha bisogno di circa 2100 calorie, continuerà a ingrassare se aumenterà le calorie, ma allo stesso tempo diminuendole tenderà a dimagrire.
Buon calcolo a tutti e mi raccomando non strafate!

martedì 29 maggio 2012

Torta semplice

Ingredienti:

6 cucchiai di crusca di avena
1 cucchiaio di crusca di frumento
2 uova
1 yogurt bianco 0,1
2 cucchiaini di tic
1/2 bustina di lievito per dolci vanigliato
2 cucchiaini di Tic
aroma al gusto arancia



Montare gli albumi a neve con un pizzico di sale e a parte montare i tuorli con il dolcificante. Aggiungere poi ai tuorli lo yogurt, l'aroma all'arancia, le crusche ed infine gli albumi. Gli albumi devono essere incorporati delicatamente mescolando dal basso verso l'alto per non farli smontare.
Preriscaldare il forno a 180° e quindi infornare per circa 25 minuti. 

Da dividere per tre giorni

lunedì 28 maggio 2012

Girelle di frittata

Ingredienti:


Versione 1
4 uova
grana grattugiato ( solo in mantenimento) q.b.
sale e pepe
spinaci
1 wurstel grande di pollo e tacchino
certosa light
4 fettine di melanzane arrostite




Usare due uova per frittata.
Nella prima aggiungere sale, pepe, poco formaggio gratt. e spinaci.
Nella seconda al posto degli spinaci aggiungere il wurstel a pezzetti.
Mettere la prima frittata sul piatto, spalmare uno strato di certosa, senza esagerare, le melanzane arrostire e chiudere con la seconda frittata come fosse una torta. Poi arrotolare.
Tagliare a fette il rotolo, quando si è a temperatura ambiente, le girelle sono più buone.




Versione 2
4 uova
sale e pepe
due fette di prosciutto cotto magro
1 sottiletta light
un po' di pomodori pelati a pezzetti
origano








Fare una prima frittata con una fetta di prosciutto a pezzetti ed una invece con un po' di pomodori pelati (tanto quanto ne bastano per colorare la frittata) e origano. Naturalmente sale e pepe.
Mettere la prima frittata sul piatto dividere la sottiletta in due parti e metterla per tutta una metà della frittata e coprire poi con la seconda fetta di prosciutto. Chiudere infine con la seconda frittata e arrotolare.




Come avrete notato le versioni possono essere infinite, secondo i gusti e gli ingredienti a disposizione al momento. Le girelle piacciono anche ai non dukaniani :D

Coppa golosa allo yogurt

Ingredienti:


torta  http://angolinodellericettedukan.blogspot.it/
yogurt total 0
aroma a piacere
dolcificante a piacere








La preparazione è molto semplice, si riveste una coppetta da macedonia con fettine sottili di torta, poi si riempe con yogurt dolcificato e aromatizzato a piacere.
Poi si fa riposare in frigo qualche ora, almeno due.
l'idea mi è venuta guardando la torta allo yogurt di mia figlia, non ci voleva un genio per idearla, poichè sono in mantenimento avevo pensato di usare uno yogurt alla frutta o aggiungere frutta a pezzetti, ho scelto la versione più leggera per chi sta ancora in crociera.
Io ho usato l'aroma vaniglia.

sabato 26 maggio 2012

Croissant Dukan

ingredienti:
3 uova
2 cucchiai maizena
dolcificante (5 cucchiai liquido)
aroma vaniglia
2 cucchiaini lievito per dolci


per la dutella:
1 tuorlo
dolcificante
1 cucchiaino cacao magro


Separare i tuorli dagli albumi. Montare gli albumi a neve. Mescolare i tuorli con maizena, aroma, dolcificante e lievito. Aggiungere poi delicatamente gli albumi. In una teglia rotonda mettere carta da forno e stendere l'impasto. Infornare per a 160-180 gradi finche non prende colore. Togliere dal forno la carta da forno con l'impasto e schiacciare con un mattarello (quasi a sembrare che venga stesa). Tagliare in otto triangoli (come tagliasse una pizza). Lasciare raffreddare. Preparare la dutella mescolando un tuorlo con dolcificante a piacere e il cacao. Mettere un pò di dutella su ogni triangolo e chiudere partendo dai bordi arrivando alla punta. Spennellare con uovo e infornare fino a che raggiungano un colorito più scuro.

mercoledì 23 maggio 2012

Una ricetta che non si mangia!!!

Questo blog si occupa di ricette, lo dice il titolo stesso :) ed è proprio una ricetta che sto per proporvi, una ricetta che, appunto, non si mangia, ma che vi appagherà lo stesso!!! 
Una delle regole basilari di una dieta consiste nell'eliminazione quasi totale del sale, causa di ritenzione idrica e di quegli orribili inestetismi come cellulite e pelle a buccia d'arancia. 
Come accade quasi sempre, anche in questo caso, la cura (o almeno un aiuto efficace) possiamo trovarla nella causa! Infatti il sale causa ritenzione idrica ma, usato nel modo giusto, ci fornisce il giusto aiuto nella sua riduzione. E non stiamo parlando di costosissimi prodotti estetici, ma del comune sale grosso da cucina, associato ad uno dei prodotti più amati dalla cucina mediterranea: l'olio d'oliva.
Vediamo come fare di questi due ingredienti un potente prodotto drenante ed emolliente!!


Ingredienti:
1 chilo di sale grosso
Olio d'oliva Q.B.

Procedimento:
Mettere 1/2 chilo di sale in una ciotola e ricoprire di olio d'oliva. Disperdere il sale rimasto in una vasca d'acqua calda. Usate l'impasto di sale e olio come un normale esfoliante, spalmando per tutto il corpo e procedendo con uno scrub, insistendo sui punti critici (di solito fianchi, interno cosce, e polpacci). Senza eliminare quest'impacco dal corpo immergetevi nella vasca, e godetevi un bagno di almeno 20 minuti. Rilassatevi con un po' di musica di sottofondo o con un buon libro. Infine risciacquate con il vostro solito bagnoschiuma. Gli effetti li noterete subito, la pelle risulterà più morbida ed elastica e l'impellente bisogno di plin-plin vi dimostrerà la fondatezza di questo semplice rimedio!!!

Buon bagno a tutti coloro che vorranno fidarsi di questi semplici consigli!!!

martedì 22 maggio 2012

La dispensa del Bodybuilder

Vi starete già chiedendo cosa hanno in comune le Desperate Dukanians con i fustacchioni (e le fustacchione) del bodybuilding... In realtà la risposta è semplice: tutte e due seguiamo un'alimentazione prevalentemente proteica (o almeno noi DD ci proviamo!!!).
Per questo da un po' di tempo seguo, molto timidamente in realtà, questa meravigliosa pagina su Facebook: https://www.facebook.com/bodybuildingpantry
Date un'occhiata e vi accorgerete che contiene una vera e propria miniera di ricette inedite ed originali,  adatte al nostro regime. Io ne sono assolutamente entusiasta!!!
Poi magari può essere che qualcuno rimanga folgorato dai fisici statuari e dall'assoluta assenza di imperfezione di quei corpi levigati e decida di associare del sano sport alla dieta. Pensiero che, ci tengo a rassicurarvi, è ben lungi da me per ora. Fino ad oggi in casa mia l'unico ad avere la tartaruga è il cane:

Un grazie di cuore a Rossella che ha condiviso il suo grande lavoro con noi :)

Pane proteico

Lo ammetto! Quando Cri-Cri ha pubblicato la foto del suo pane sul gruppo Protal siamo quasi impazzite all'idea di poter mangiare finalmente qualcosa di tanto familiare. E in tutte è nata la voglia di cimentarsi in questa preparazione.. anche in me!!!





Ingredienti:
- 1 kg di farina Manitoba
- 600 ml di acqua
- mezzo cubetto di lievito di birra o mezza bustina di lievito di birra liofilizzato
- un pizzico abbondante di sale
- 80 grammi di maizena

Procedimento:
Impastare la farina con l’acqua e far riposare per una decina di minuti. Trascorso questo tempo dobbiamo procedere al lavaggio, per eliminare tutto l'amido dall'impasto. E' un'operazione semplice ma un pochino noiosa perchè dobbiamo sciacquarlo per almeno 20 minuti, finchè l'acqua non risulterà limpida ed in mano nostra sarà rimasto solo un impasto molto elastico, dal colore giallognolo, il glutine. Sciogliere il lievito in poca acqua tiepida e aggiungerlo al glutine insieme alla maizena, all'aroma ed al sale. Far lievitare almeno un'ora, dopodichè cuocere a 200° per 20 minuti. Il risultato è un pane il cui unico amido è la maizena (vengono fuori circa 8 piccoli panini, quindi possiamo mangiarne 2 al giorno). Certo che per associare il sapore al vero pane occorre un po' di impegno.. però può togliere la voglia!